Parquet: perizie e consulenze parquet e scale, pavimenti in legno parquet e scale in legno.
ENTRA

Perizie consulenze parquet scale pavimenti esperto in legno perito Napoli Campania parquet

Perizie consulenze parquet scale pavimenti esperto in legno perito napoli Campania. Il parquet (italianizzato in tassellato durante il fascismo) è una pavimentazione composta dall'assemblaggio di singoli elementi di legno con spessore minimo di mm 8 prima della posa. Si distingue per: tipo di legno (rovere, doùssie,ulivo,iroko,afrormosia,teak,ecc.) - tipo di posa (a correre, a tolda di nave, a lisca di pesce etc. ) - qualità (definita in base alla direzione della fibratura ed alla presenza di difetti quali stonalizzazione, nodi, alburno, fori di insetti etc.)Perizie consulenze parquet scale pavimenti esperto in legno perito napoli Campania. Si distingue anche per le dimensioni delle liste (quali pavimenti industriali, ovvero piccole liste con spessori generalmente da 10 a 22 mm composti a quadrotte tenute assieme da nastro adesivo; mosaico, tipologia oramai in disuso composto da piccole liste di spessore 8 mm a formare quadrotte incollate su rete o carta; lamparquet, composto da liste di 10 mm di spessore con larghezze variabili da 50 a 75 mm e lunghezze da 200 a 600 mm; listoncino, liste da 14 mm di spessore con larghezze da 70-75 mm e lunghezze da 350 a 600 mm; listoni, lavorati a maschio e femmina generalmente sui 4 lati di spessore 20-22 mm larghezze da 90 a 150 mm e oltre, lunghezze da 600 a oltre 2 metri).Perizie consulenze parquet scale pavimenti esperto in legno perito napoli Campania. Oltre ai suddetti pavimenti tradizionali in legno massiccio monostrato sono sul mercato i cosiddetti pavimenti multistrato prefiniti (pre-verniciati,pre-oliati,ecc.) composti da uno strato superiore in legno nobile (minimo 2,5 mm) incollato su un supporto in legno dolce che può essere in multistrato o lamellare. Legni nobili comunemente usati sono: rovere, doussiè, wenge, olivo, noce, iroko, teak, merbau, afrormosia, (faggio), viene utilizzato anche il bambu.Perizie consulenze parquet scale pavimenti esperto in legno perito napoli Campania. Per impieghi non inpegnativi, sono disponibili elementi prefiniti totalmente in materiale sintetico, la superficie si presenta molto simile al legno sia alla vista che al tatto, dato l'economicità del materiale e la produzione in grandissima serie, il costo è sensibilmente inferiore ai prodotti in legno. Il parquet può essere posato a terra incollato (colle viniliche o bi-componenti), inchiodato (nella tipologia "listoni") o galleggiante.Perizie consulenze parquet scale pavimenti esperto in legno perito napoli Campania. Il legno è il materiale ricavato dai fusti delle piante, in particolare gli alberi ma anche arbusti. Queste piante perenni, sono caratterizzate dall'avere fusto e rami che crescono concentricamente verso l'esterno di anno in anno e di avere i tessuti composti essenzialmente da cellulosa e lignina. Le piante che non producono legno sono dette erbacee e includono tutte le piante annuali, molte perenni e molte piante acquatiche subacquee e galleggianti. Il legno è prodotto dalla pianta come elemento strutturale, dalle ottime caratteristiche di robustezza e resistenza, ed è per questo impiegato utilmente dell'uomo. Come già accennato, il legno è costituito da fibre di cellulosa trattenute da una matrice di lignina.Perizie consulenze parquet scale pavimenti esperto in legno perito napoli Campania. Il legno è commercialmente classificato in tenero e duro. Il legno derivato dalle conifere (per esempio il pino o l'abete) è di tipo tenero, il legno delle Angiosperme (ontano, quercia, noce) è duro. in realtà questa suddivisione può essere fuorviante, poiché alcuni legni duri sono più teneri di quelli definiti teneri, per esempio la balsa, mentre alcuni teneri sono più duri dei duri, per esempio il tasso. In realtà questa disinzione deriva dalla nomenclatura inglese che definisce le conifere "softwood" e le latifoglie "hardwood", ma la traduzione in legno tenero e legno duro è un errore di ipercorrettismo, visto che le due parole inglesi stanno a significare semplicemente - e rispettivamente - conifere e latifoglie.